La versione di Oscar


Tags (categorie): Politica
[ Aggiungi la tua categoria (tag) ]
I temi dell'attualità economica e finanziaria, le imposte eccessive e le privatizzazioni che mancano, le liberalizzazioni troppo annunciate e sempre ritardate, le infrastrutture impossibili e dell'energia carissima, il gap di competitività italiano e del mercato del lavoro strozzato da mille gravami e cuneo fiscale altissimo, le banche che non prestano ma si imbottiscono di titoli di Stato.
Un appuntamento quotidiano con il libro dei sogni delle mille riforme per liberare le energie di imprese e lavoro, quelle di cui tutti parlano da anni e che, al fatto pratico, risultano sempre rinviate a dopodomani. Microfoni aperti agli ascoltatori.
Autore: Radio 24
Ultimo episodio: 26/07/19 17:01
Aggiornamento: 14/10/19 6:46 (Aggiorna adesso)
La versione di Oscar del giorno 24/07/2019: Tav sì o no?
L'apertura del premier Conte alla Torino - Lione inasprisce i malumori all'interno del M5s. Dell'opera, dei suoi pro e contro, della sua valenza politica parliamo con Silvia Fregolent, deputato del PD, e Dario Gallina, presidente dell'Unione industriale di Torino.
La versione di Oscar del giorno 23/07/2019: "Il dittatore"
Ieri era un politico di terza o quarta fila. Oggi è il volto della destra e primo "padrone" in Italia. il peso politico di Matteo Salvini è cresciuto velocemente negli anni ma quale sarà l'epilogo? Per Giampaolo Pansa, autore de "Il dittatore", non avremo un lieto fine.
La versione di Oscar del giorno 22/07/2019: Autonomia, ancora tensione nella maggioranza
Dopo le tensioni generate dal voto di Ursula von der Leyen, lo scontro tra M5s e Lega si gioca sul terreno dell'autonomia.
La versione di Oscar del giorno 18/07/2019: Nazionalizzazioni Vs privatizzazioni
Da spauracchio a soluzione per ogni evenienza, è questo il percorso che in pochi anni ha percorso il ruolo dello Stato in economia. Tutti i partiti in Europa, tranne rare eccezioni ma con diversi dosaggi, assegnano allo Stato una funzione regolatoria ampia per tamponare le storture del mercato ed in difesa degli interessi nazionali. L'Italia ha come spesso le accade la forma più parossistica del fenomeno.
La versione di Oscar del giorno 17/07/2019: Decontribuzione e lavoro - Bilancio del whistleblowing
Nel pacchetto di misure del Jobs act approvato con il Governo Renzi figurava anche l'esonero completo per tre anni dai contributi sul lavoro. Questa misura, come riportato nel rapporto Inps, non ha prodotto l'effetto sperato sulla stabilizzazione dei contratti stipulati se non in maniera minima, ma tale da non giustificare i 16 miliardi spesi.
Ne parliamo con Pietro Ichino, ex parlamentare del Pd e giuslavorista.
Nella seconda parte con il presidente dell'Anac, Raffaele Cantone analizziamo il bilancio annuale sull'attività di whistleblowing, la segnalazione in forma anonima di illeciti nelle pubbliche amministrazioni.
La versione di Oscar del giorno 16/07/2019: Un piano per il gap digitale italiano
Della mastodontica spesa pubblica italiana, oltre 800 miliardi, solo 6 miliardi sono destinati al digitale. Appena 85 euro per cittadino, contro i 186 euro della Francia, i 207 euro della Germania ed i faraonici 323 euro dell'Uk.
Ne parliamo cn Cesare Avenia, presidente Confindustria Digitale e Luca Gastaldi, direttore dell'Osservatorio Agenda Digitale del Politecnico di Milano.
La versione di Oscar del giorno 15/07/2019: Alitalia, ultima chiamata
Da 44 anni si susseguono piani d'intervento straordinari su Alitalia. In vari modi ed in vari termini e con proprietà diverse, siano esse pubbliche, private o miste. La quantità di denaro pubblico utilizzato, calcolata da Mediobanca nel 2015, ammontava a quasi 7 miliardi, ora lievitati dopo il prestito ponte e l'impegno di Mef e Ferrovie che sarnno gli azionisti di maggioranza della "nuova" conpagnia.
La versione di Oscar del giorno 12/07/2019: Il lavoro dei travet
Come misurare la produttività nella pubblica amministrazione? Da almeno 25 anni ci si è cominciati a porre il problema, con varie riforme, dalla Bassanini, alla Brunetta fino alla Bongiorno. Tutte incentrate però più che sulla misurazione delle performances sull'accertamento della mera presenza in ufficio per limitare i ripetuti fenomeni di "furbetti" del cartellino.
La versione di Oscar del giorno 11/07/2019: Razzismo vecchio e nuovo
Per capire come idee razziste ed antisemite abbiano trovato di nuovo spazio ed adepti, in maniera silente e nell'indifferenza, è interessante studiare come ad esempio la comunità scientifica ed accademica italiana accolse il manifesto della razza nel 1938.
Ne parliamo con il professore Marco Mazzotti, storico della della scienza e direttore Center for Science, Technology, Medicine & Society dell'Università di California a Berkeley e Stefano Gatti, ricercatore dell'Osservatorio antisemitismo della Fondazione centro di documentazione ebraica contemporanea.
La versione di Oscar del giorno 10/07/2019: Welfare e riforme
Vent'anni di leggi sul lavoro tutte tese alla liberalizzazione hanno costretto il vecchio welfare italiano ad una sua evoluzione. Negli ultimi dieci anni complice la crisi del 2008 i sussidi di disoccupazione si sono via via estesi fino a coprire circa 13 milioni di lavoratori.
La versione di Oscar del giorno 09/07/2019: La Grecia dopo Tsipras
Cambio di maggioranza nel paese ellenico, dove il partito dell'ex premier Tsipras, pur superando il 30% è uscito sconfitto dalla tornata elettorale. Toccherà ora a Kyriakos Mitsotakis, ex banchiere a capo di Nea demokratia che guiderà un esecutivo politico ma anche con con qualche tecnico.
La versione di Oscar del giorno 08/07/2019: Italia, sud dell'Europa
Una parte dello squilibrio italiano dipende senza dubbio dal dualismo nord/ sud che si perpetua, sotto diverse forme e proporzioni, dall'unità d'Italia. Anche gli ultimi Governi non hanno fatto eccezione sulla reale volontà d'invertire la rotta, anzi, la retorica autoassolutoria e vittimistica propria di un certo meridionalismo è divenuta, grazie a anche a Salvini e Di Maio, un vero e proprio refrain nazionale. Ne parliamo con Emanuele Felice,  ordinario di Politica economica nell’università Gabriele d’Annunzio di Pescara ed autore del libro: Il Sud, l'Italia, l'Europa - Diario civile.
La versione di Oscar del giorno 05/07/2019: La mafia al nord
L'ennesima operazione della Direzione distrettuale antimafia di Milano ha mostrato ancora una volta la presenza stabile e costante delle organizzazioni mafiose nel nord Italia. Il capo delle Dda milanese ha parlato addirittura della "extra territorialità" di alcune zone del varesotto dove sono stati effettuati alcuni arresti di ieri.
La versione di Oscar del giorno 04/07/2019: Caos presidi
Con l'annullamento da parte del Tar del Lazio della prova scritta del concorso dei presidi, che dunque si dovrà ripetere, si perpetua il caos attorno alla nomina dei nuovi dirigenti scolastici.
Da anni infatti i concorsi non si riescono a portare a termine determinando così le cosiddette reggenze da parte dei presidi che sono obbligati a gestire, oltre alla propria scuola, anche altri istituti contemporaneamente.
La versione di Oscar del giorno 03/07/2019: Poca Italia nella nuova Ue
Le nomine in seno all'Europa dalla Bce alla Commissione fino alla presidenza del Consiglio europeo, sono molto spesso il frutto dei rapporti tra gli Stati, raramente di tattiche e strategie estemporanee.
E così è stato anche questa volta nonostante il tentativo del premier Conte di sbarrare la strada al duo franco-tedesco.
Ne parliamo Federico Fubini, giornalista, Corriere della Sera. Ultimo libro: "Per amor proprio. Perché l'Italia deve smettere di odiare l'Europa (e di vergognarsi di se stessa)" – Longanesi e Ferdinando Giugliano, editorialista di Bloomberg e de la Repubblica.
La versione di Oscar del giorno 02/07/2019: Via i dazi tra Europa e sud America
L'Europa si conferma baluardo del libero scambio in tempi come questi di dazi e quote.
Dopo l'accordo con il Giappone, l'Unione europea ha sottoscritto, dopo un round ventennale, un accordo commerciale con i paesi del Mercosur (Argentina, Brasile, Paraguay, Uruguay e Venezuela).
Ne parliamo con Ivano Vacondio, presidente Federalimentare e Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura.
La versione di Oscar del giorno 01/07/2019: Scudi e processi per Ilva e Autostrade
Le vicende giudiziarie potrebbero a breve segnare i destini italiani dell'ex Ilva, ora Arcelor Mittal, come di Atlantia, la società capofila di Autostrade.
La versione di Oscar del giorno 28/06/2019: Autonomia in stallo
In un anno di Governo giallo-verde poco o nulla si è fatto rispetto all'autonomia differenziata richiesta da alcune Regioni del Nord. Nonostante la Lega in forte ascesa, il tema è tenuto sotto traccia e relegato ai margini.
Ne parliamo con Mario Bertolissi, ordinario di Diritto Costituzionale all'Università di Padova, Stefano Buffagni, sottosegretario Ministero Affari regionali e Mario Pozza, presidente di Unioncamere Veneto.
La versione di Oscar del giorno 27/06/2019: Territori, reti e distretti
L'economia regionale è la protagonista al Gran Sasso Science Institute, del 22° Uddevalla Symposium. Come la specializzazione, la diversificazione e l'uso dei fondi pubblici possono concorrere ad intercettare la crescita economica nelle sempre più mutevoli catene del valore mondiale.
Ne parliamo con Alessandra Faggian, prorettore con delega alla Ricerca e Professore di Economia Applicata, Gran Sasso Science Institute, Roberto Antonietti, professore di Economia all'università di Padova e Gloria Cicerone, assegnista di ricerca.
La versione di Oscar del giorno 26/06/2019: Sea watch a Lampedusa - Crisi bancarie
La nave Sea watch dopo due settimane di navigazione obbligata ed in attesa di una autorizzazione che non è mai arrivata ha forzato il blocco ed è giunta davanti al porto di Lampedusa.
Ne parliamo con Elda Turco Bulgherini, esperta di Diritto Internazionale e professore ordinario di Diritto della Navigazione nell'università di Tor Vergata di Roma.
A seguire, il punto sul settore bancario dopo la più grande ristrutturazione della sua storia tra la grande crisi del 2008 e la rivoluzione tecnologica che ha investito l'intero comparto.
Ne parliamo con Lando Maria Sileoni, segretario della Fabi (Federazione Autonoma Bancari Italiani) e Carlo Alberto Carnevale Maffé, docente di Strategia presso la Scuola di Direzione Aziendale dell'Università Bocconi e co-conduttore de I conti della belva.
La versione di Oscar del giorno 25/06/2019: L'affare Olimpiadi
Il giorno dopo l'aggiudicazione delle olimpiadi invernali a Milano e Cortina per il 2026 fioccano le entusiastiche proiezioni economiche intorno al grande evento sportivo.
Eppure conti comparati alla mano almeno le olimpiadi non sono mai state un affare anzi...
Ne parliamo con Massimiliano Trovato, ricercatore Istituto Bruno Leoni e Jan van der Borg, professore di Economia Regionale alla Ca' Foscari, tra gli autori dell'impatto olimpionico Milano Cortina 2026 per la Regione Veneto e le provincie autonome di Trento e Bolzano.
La versione di Oscar del giorno 24/06/2019: Controriforma dei musei
Il ministro Bonisoli ha ventilato una nuova riforma dei poli museali in contro tendenza con il suo predecessore Franceschini fautore di una gestione indipendente e meno centralizzata. Infatti dalle indiscrezioni e dalle bozze che circolano si accenna ad una semplificazione ma anche ad un ritorno di un ruolo preminente da parte del Mibac.
Ne parliamo con Dario Nardella, sindaco di Firenze, Federico Giannini, direttore de Le finestre sull'arte (testata giornalistica online che si occupa di arte antica e contemporanea) e Claudio Strinati, già Soprintendente per il Polo Museale romano dal 1991 al 2009.
La versione di Oscar del giorno 21/06/2019: Rivoluzione dei pedaggi autostradali
L'autorità dei trasporti ha varato un nuovo sistema per stabilire i pedaggi autostradali. Tetto ai rincari, cancellazione di sei sistemi di pedaggio e misure più cogenti sull'effettiva applicazione dei piani di manutenzione e di miglioramento della rete. L'associazione dei concessionari e Confindustria protestano per il cambio unilaterale dei contratti in essere.
Il ministro dei trasporti Danilo Toninelli invece esulta: "siamo di fronte all'inizio della rivoluzione che avevamo promesso sin dal nostro insediamento".
Ne parliamo con Andrea Giuricin, CEO Tra consulting, docente di Economia dei trasporti presso l'Università Bicocca di Milano e Massimo Schintu, direttore generale Aiscat.
La versione di Oscar del giorno 20/06/2019: Italia delle pantere grigie
Il calo strutturale delle nascite ed il rapido invecchiamento della popolazione sono dati ormai consolidati di tutte le società avanzate ma soprattutto dell'Italia. Eppure l'Italia fatica a strutturare il proprio welfare e la propria assistenza sanitaria a questa condizione.
Ne parliamo con Stefano Volpato, ordinario di Geriatria e direttore della Scuola di specializzazione in Geriatria, Università di Ferrara e Francesco Armillei, coordinatore di Tortuga (Tortuga è un think tank fondato nel 2015 e composto da più di 50 studenti, ricercatori, lavoratori italiani under30 nel campo dell'economia e delle scienze sociali).
La versione di Oscar del giorno 19/06/2019: Politici Vs economisti
I populismi un po' in tutto il mondo si fregiano di aver ristabilito il primato della politica sull'economia. Ricette semplici ed infallibili: nessun vincolo di bilancio, ovvero più deficit e debito e politiche monetarie espansive ed indipendenti dal ciclo economico
La versione di Oscar del giorno 18/06/2019: Un salario per legge
Se per la Lega è fondamentale la flat tax, almeno a parole, per il M5S, la battaglia economica è quella sul salario minimo per legge. Nove euro l'ora è questo il limite fissato fin qui nel dibattito parlamentare.
Ne parliamo con Andrea Garnero, ricercatore presso il dipartimento lavoro e affari sociali dell'OCSE e Francesco Seghezzi, direttore Fondazione ADAPT.
La versione di Oscar del giorno 17/06/2019: Pensioni e costo del lavoro le vere emergenze
Due i temi della puntata di oggi. La previdenza, con le proiezioni monstre, che prevedono che la spesa per le pensioni raddoppierà nei prossimi vent'anni, e la scarsa attrattività del sistema Paese nel suo complesso che allontana i giovani migliori, che infatti emigrano all'estero.

I commenti sono chiusi