VIVI: Storie di qui e d'altrove


Tags (categorie): Fantascienza
[ Aggiungi la tua categoria (tag) ]

Fantasmi, storie, leggende e misteri.
Viaggiate con noi alla ricerca di racconti dimenticati, di anime perdute, di presenze inquietanti e creature benevole.
Perché anche i luoghi a noi familiari a volte nascondono antichi e oscuri segreti.
Seguici su Instagram! @vivi_podcast
Autore: Lucia Laura Ferrari
Ultimo episodio: 22/10/22 16:20
Aggiornamento: 03/12/22 7:04 (Aggiorna adesso)
Le streghe di Triora
Tra il 1587 e il 1589 il paese di Triora, sui colli liguri, fu teatro di una terribile caccia alle streghe. Questa è la loro storia.
~.~.~
Voce e testo: Lucia L. Ferrari
Musiche: Kingsley Elliot Kaye
La leggenda della Colonna del Diavolo
Oggi vi porto alla scoperta di un'altra leggenda di Milano.
La misteriosa colonna con due fori che si trova in Piazza Sant'Ambrogio è conosciuta come "Colonna del Diavolo" e ci racconta un'oscura e antica storia.
Voce e testi: Lucia L. Ferrari
Musiche: Kingsley Elliot Kaye
Goodbye, Norma Jean
Sono passati 60 anni esatti da quella notte di Agosto in cui morì Marilyn Monroe, ma il mito e il mistero che avvolgono la figura di questa donna straordinaria sono più vivi che mai.
In questo episodio vi racconto gli ultimi giorni di vita di Marilyn e gli eventi di quell'ultima tragica notte.
~.~.~
Voce e testo: Lucia L. Ferrari
Musiche: Kingsley Elliot Kaye
L'acqua scorre
Oggi andiamo sul Lago di Como a scoprire la magia e la leggenda del Fiumelatte.
Un fiume che compare e scompare e la cui fonte nessuno è mai riuscito a vedere.
Voce e testo: Lucia L. Ferrari
Musiche: Kingsley Elliot Kaye
Il Drago è ovunque
Conoscete la leggenda che si nasconde dietro "il biscione" simbolo di Milano? Oggi ve la racconto. Si dice che un tempo molto lontano, nella zona tra Bergamo, Lodi, Cremona e Milano esistesse un enorme lago. E qui viveva uno spaventoso mostro alato chiamato Tarantasio...
~.~.~
Voce e testo: Lucia L. Ferrari
Musiche: Kingsley Elliot Kaye
Non sognare il futuro
"L'universo è grande. E' vasto, e complicato, e ridicolo. Ed a volte, di rado, cose impossibili possono accadere e noi le chiamiamo miracoli."
Qualcuno di voi avrà riconosciuto questa citazione. L'ha detta il dodicesimo dottore nella più longeva serie della storia della TV, il DR.Who.
Ed è una frase più che mai adatta alle storie che vi ho raccontato nello scorso
episodio e a quelle che vi sto per raccontare. Perché forse questi eventi incredibili non sono davvero miracoli, forse ancora non sappiamo abbastanza, anzi, di sicuro non
sappiamo abbastanza.
L'umanità ha ancora molta strada da fare, ma sognare non costa
nulla.
*Questo è il seguito dell'episodio "Non fermarti nel passato"*
Testo e voce: Lucia L. Ferrari
Musiche di Kingsley Elliot Kaye
Non fermarti nel passato
Ah, i viaggi nel tempo...esiste qualcuno che, anche solo per un momento, non abbia fantasticato su questa possibilità? Cosa fareste? Dove andreste? Cosa direste a voi stessi nel passato? Chi vorreste conoscere...o magari rivedere? Oggi però non vi parlerò di fantomatici macchinari e missioni speciali nel futuro. Vi racconterò invece di eventi straordinari accaduti a gente comune.
E voi come me forse non potrete fare a meno di chiedervi...davvero possiamo andare solo avanti?
Un bacio sotto il vischio
Perché ci si bacia sotto il vischio? Andiamo a scoprire insieme la leggenda all'origine di questa usanza un po' speciale.
Buon Natale!
~.~.~
Voce e testo: Lucia L. Ferrari
Musiche: Kingsley Elliot Kaye
Il mistero della Mary Celeste
Era il 4 dicembre 1872. Il Dei Gratia, brigantino canadese navigava a largo delle isole Azzorre quando avvistò un'altra nave che si avvicinava con manovre strane e apparentemente senza senso. La nave era la Mary Celeste, in buone condizioni, con attrezzatura e carico quasi intatti, ma era alla deriva. E del suo equipaggio, vivo o morto che fosse, non era rimasta traccia.
~.~.~
Voce e testo: Lucia L. Ferrari
Musiche: Kingsley Elliot Kaye
Margherita
"Era la più nobile e la più bella donna di Milano. La più nobile, perché era una Visconti; la più bella, perché si chiamava Margherita"
Nacque in una delle famiglie nobili più antiche d'Italia, eppure, né il suo nome, né le ricchezze poterono salvarla da un tragico destino.
E si dice che il suo spirito ancora si aggiri senza pace in quella torre ormai in rovina...
Testo e voce: Lucia Laura Ferrari
Musiche: Kingsley Elliot Kaye
L'ultimo volo: la misteriosa scomparsa di Amelia Earhart
E' la mattina del 2 luglio 1937.
Amelia Earhart e il suo navigatore Fred Noonan sono attesi sulla piccolissima isola di Howland nel mezzo dell'Oceano Pacifico. I due erano partiti da Lae in Nuova Guinea per quella che era considerata la tappa più difficile e pericolosa del loro viaggio intorno al mondo. Km e km senza terra in vista. Sotto di loro solo acqua. A bordo dell'Electra, uno dei velivoli più moderni dell'epoca, modificato appositamente per quell'impresa secondo le richieste della Earhart.
Vicino all'isola li aspetta l'Itasca, nave della Guardia Costiera Americana, con il compito di assisterli durante e il viaggio.
Le comunicazioni via radio sono difficili e complicate e le condizioni meteo non sono buone.
Alle 7.42 il radioperatore riceve questo messaggio dall'Electra:
«Dovremmo essere sopra di voi, ma non riusciamo a vedervi — ma il carburante si sta esaurendo. Non siamo riusciti a raggiungervi via radio. Stiamo volando a 1 000 piedi»
La Earhart non riesce a sentire i messaggi dell'Itasca, né a determinare la posizione dei segnali inviati in codice Morse.
Alle 8.43 un'altra trasmissione. L'ultima ufficiale.
“Siamo sulla linea 157 337. Ripeteremo questo messaggio. Ripeteremo questo messaggio a 6 210 kHz. Attendete”
E poi il silenzio.
Sono passati 83 anni. Ma la scomparsa della grande aviatrice americana è ancora uno dei misteri irrisolti più affascinanti e discussi della storia.
E il mondo non ha smesso di chiedersi: che fine ha fatto Amelia Earhart?
Testo e voce: Lucia L. Ferrari
Musiche: Kingsley Elliot Kaye
Gli strani fatti di Cetto
Il resoconto di una vicenda accaduta nel 1904.
Strani e inquietanti fenomeni si verificarono in un cascinale in mezzo ai boschi di una bellissima valle svizzera.
Testo e voce: Lucia L. Ferrari
Musiche di Kingsley Elliot Kaye
La città perduta
A noi piace guardare sotto la superficie. Nel profondo. E sotto le acque di questo piccolo e splendido lago, il lago di Monate, secondo un'antica leggenda, si nasconderebbe qualcosa di più. Una città. Che come Atlantide venne punita e sommersa, ma che ancora, nelle notti di Natale, dalle profondità fa risuonare le sue campane in memoria di ciò che fu.
~.~.~
Voce: Lucia L. Ferrari
Testo: Lucia L. Ferrari
Musiche: Kingsley Elliot Kaye
Il mistero di Taos
"Tanti colori, tante figure celebri, ma c'è qualcos'altro in questa cittadina, qualcosa di più misterioso e profondo, qualcosa che non potete vedere, ma che alcuni, pochi tra voi, potranno forse sentire.
E non sappiamo dire se questa sia una fortuna, un dono o una maledizione."

Voce: Lucia L. Ferrari
Testo: Lucia L. Ferrari
Musiche: Kingsley Elliot Kaye
*La parte iniziale è tratta da "Il cuore rivelatore" di Edgar Allan Poe
La paura e il suo "spirito guida"
Quando la paura ci attanaglia, lasciamoci prendere per mano da lei. E lasciamo che ci conduca in luoghi e spazi sicuri, reali e immaginari. La paura sta nel mezzo, tra l’incoscienza e l’eccesso di fobia. Una breve riflessione per i due anni esatti dall’uscita del primo episodio di Vivi, intitolato I Mazzarditi, i pirati del Lago Maggiore. Nel momento storico che stiamo vivendo pare, a tratti di trovarsi nel mare in tempesta. Ma la luce di un faro, se la sappiamo vedere, ci porterà su lidi più sicuri.
Voce: Lucia L. Ferrari
Testo: Federica Baj
Musiche: Kingsley Elliot Kaye
Tutte le facce di Halloween
In principio fu Samhain, il capodanno celtico che, in origine, si celebrava nella notte tra il 31 ottobre e il primo novembre. Poi arrivò la Notte di Ognissanti e infine Halloween. Tra antiche e nuove usanze, le prossime ore di tenebra sono festeggiate, da millenni, in tutto il mondo. Protagonista è la MORTE, che solo in apparenza è “FINE”. In realtà sotto la terra coperta dal gelo invernale, una nuova vita germoglia in silenzio.
Voce: Lucia L. Ferrari
Testo: Federica Baj
Musiche: Kingsley Elliot Kaye
SPECIALE: "Il fiume bianco" di Maico Morellini
Il fiume bianco è una storia che arriva da lontano. Nasce dalle inquietudini di un ragazzino che affronta le prime prove di coraggio, nasce dalle oscure leggende di paese, nasce da alcuni episodi di cronaca che si sono mescolati con l'orrore nelle memorie di chi all'epoca aveva pochi anni.
Ed è un viaggio nella solitudine. Una solitudine che è insieme rifugio e condanna.
*********
Maico Morellini, classe 1977, vive in provincia di Reggio Emilia e lavora nel settore informatico. Con il suo primo romanzo di fantascienza, "Il Re Nero", ha vinto il Premio Urania 2010, pubblicato nel novembre del 2011 da Mondadori. Nel 2014 ha creato per Delos Digital la serie hard science fiction "I Necronauti" e nel 2016 il suo secondo romanzo di fantascienza, "La terza memoria", è uscito su "Urania" mentre sempre nel 2016 è stata pubblicata da Vincent Books l’antologia di fantascienza ‘Voci della Polis’. Il suo romanzo “Il diario dell’estinzione”, pubblicato da Watson Edizioni nel 2018, ha vinto il Premio Italia come miglior fantasy. Ha pubblicato racconti su diverse antologie. ‘Il fiume bianco’, racconto di questo podcast, risale al 2004 ed è un omaggio a una di quelle leggende di paese tanto care alla Pianura Padana. Da bambino l’Albero del racconto lo ha tenuto sveglio per parecchie nottate. ‘Il fiume bianco’ fa parte di ‘7 Note Nere’, una raccolta di racconti horror-weird pubblicata da Delos Digital.
Voce: Lucia L. Ferrari
Testo: Maico Morellini
La Sibilla dell’Adda
E' la mattina del 25 novembre 1650. Nella piccola cittadina di Cassano d'Adda, nel cuore della pianura padana, una figura spettrale di nero vestita percorre veloce un sentiero nella brughiera. E' una donna, con gli occhi spiritati e l'aria da folle.
La chiamano la Sibilla e nasconde un orribile segreto.
Un segreto che minaccia di spezzare legami e distruggere vite.
Un segreto che non dovrebbe mai essere svelato.
Testo: Lucia L. Ferrari
Voce: Lucia L. Ferrari
Musiche: Kingsley Elliot Kaye
Solitudine e Fantasia
Dalle nostre case alle vostre, Vivi augura a tutti voi una Buona Pasqua. Scegliamo due parole che vi siano da guida in questi strani giorni di festa. Solitudine e fantasia. La seconda parola possa rendere più gradevole la prima...
Testo: Federica Baj
Voce: Lucia L. Ferrari
MALEDETTA PRIMAVERA 2020. Le monache senza volto del Monastero di Torba
Una visita virtuale, perché di questi tempi altro non può essere, in uno dei luoghi più suggestivi del Varesotto. Torba con il suo monastero, patrimonio del Fai, è un luogo carico di mistero. Per la sua architettura e per la sua storia. In un lontano passato fu abitato da una comunità di monache benedettine. Alcune di loro, ancora oggi si aggirano nella brughiera e nei boschi attorno all’edificio. Anime in pena che cercano di rientrare in quella che fu per secoli la loro dimora. Questa è la loro storia e quella di un inquietante affresco che le raffigura.
Testo: Federica Baj
Voce: Lucia L. Ferrari
Il fantasma numero 0
Il suo nome era Atenodoro. Professione filosofo. E con “filosofia” riuscì a non farsi travolgere dalla vicenda che lo vide protagonista: un vecchio edificio e il spettro che lo abitava. Questa è la storia documentata, in una lettera di Plinio il giovane nel I secolo D.C., del primo caso di infestazione di una casa e, di conseguenza, del primo vero fantasma della Storia.
Testo: Federica Baj
Voce: Lucia L. Ferrari
Nel Chianti: lo spettro del barone Ricasoli
Una vacanza tra amici, le dolci colline del Chianti in tempo di vendemmia. Una notte di luna piena e un cavallo al galoppo che sfreccia nell’oscurità. A distanza di quarant’anni c’è chi ancora ricorda quel momento: l’incontro con uno dei fantasmi più conosciuti e longevi d’Italia. Quello del barone Bettino Ricasoli che in sella al suo destriero, ieri come oggi, si manifesta nei boschi di querce e castagni con l’impalpabile leggerezza di spettro. Questa è la sua storia.
Testo: Federica Baj
Voce: Lucia L. Ferrari
Un giorno qualcuno mi ha detto
Per quest’anno che sta arrivando vi auguriamo l’essenziale. Un foglio di carta e una matita. Un foglio di carta, una matita e un viaggio. Dal vecchio al nuovo. Dal noto all’ignoto che ci attende. Attraversando un ruscello o un fiume in piena per raggiungere, forse chissà, quella luce lontana che vi porterà… quello che più desiderate . E’ il nostro augurio, l’augurio di Vivi per tutti voi.
Testo: Federica Baj
Voce: Lucia L. Ferrari
Il vero spirito del Natale
Chiamatelo come volete: Santa Claus, Sinterklaas, Babbo Natale e per ogni parte del mondo un nome diverso, una diversa tradizione. All'origine era Nicola. Un giovane di nobili origini che fece dell'altruismo e della generosità lo scopo di una vita. Questa è la sua storia che si dipana nei secoli e nei secoli cambia e nei secoli ci porta la magia di una sola notte. Quella di Natale. Una augurio speciale da VIVI a voi che ascoltate...
Testo: Lucia L. Ferrari
Voce: Lucia L. Ferrari
Elizabeth
Elizabeth Siddal.
Artista, modella, poetessa, donna straordinaria dalla vita tormentata. Il suo volto lo potete trovare su tanti dei dipinti dei preraffaelliti di cui è spesso definita la "musa".
In questo episodio vi raccontiamo la sua storia.
Testo: Lucia L. Ferrari
Voce: Lucia L. Ferrari
Sospesi nel tempo
Le mura come luogo dell’anima. Tra le mura dell’edificio di cui vi parliamo oggi di anime ne sono passate tante. Ieri, come oggi. Quelle di ieri si muovono ancora leggere tra stanze e spazi di quello che oggi è un hotel. Un tempo neanche troppo lontano
invece, un sanatorio. Abbracciato dai boschi e dalle montagne della bella Engadina.
Testo: Lucia L. Ferrari
Voce: Lucia L. Ferrari
Una storia da raccontare
Pochi giorni fa, il solstizio e il giorno di San Giovanni hanno ufficialmente dato avvio all’estate. Due giorni magici celebrati in tutto il mondo con storie e leggende che si perdono nei tempi. Storie da raccontare. Noi di Vivi, in questo episodio, ve ne abbiamo riservata una inedita che ci ha viste dirette protagoniste. Una storia singolare, come piacciono a noi.
Testo: Federica Baj
Voce: Lucia L. Ferrari
Un segreto ben custodito
La storia è fatta di grandi personaggi, famosi, coraggiosi, buoni o cattivi. E poi ci sono tante persone che non saliranno alla ribalta della cronaca, ma che pure, con le loro azioni, sono capaci di cambiare il destino di uomini e popoli.
Don Giovanni Verità di Modigliana è uno di loro.
E questa è la sua, di storia.
Testo: Lucia L. Ferrari
Voce: Lucia L. Ferrari
Il fantasma del Duomo di Milano
Se decidete di sposarvi a Milano e di fare qualche foto di rito davanti al Duomo osservate con attenzione. In mezzo ai volti conosciuti e sorridenti potrebbe capitarvi di vedere una donna con un lungo ed elegante abito nero. Dai contorni indefiniti e dagli occhi bianchi. Ma non abbiate paura. Si dice che ogni tanto le piaccia comparire nelle foto dei matrimoni e che la sua figura sia addirittura di buon auspicio per i neo sposi. Si chiamava Carlina. E questa è la sua storia.
Testo: Lucia L. Ferrari
Voce: Lucia L. Ferrari
Il Toro e il Drago
Con il ritorno sugli schermi di Game of Thrones abbiamo deciso di dedicare questo episodio a una creatura magica che da sempre fa parte dell'immaginario fantastico...il drago.
Abbiamo un drago spaventoso e un animale indomito. Una battaglia leggendaria e l'origine di una città. Il famoso toro rosso, stemma di Torino, è il protagonista di un'incredibile leggenda che da secoli si tramanda e che vi terrà con il fiato sospeso.
Testo: Lucia L. Ferrari
Voce: Lucia L. Ferrari
Il Lago delle Streghe
C’è un luogo in val d’Ossola, vicino all’Alpe Devero, dove larici secolari e distese di mirtilli costeggiano uno splendido lago. Un lago che sembra immerso in un’atmosfera magica…come magica, secondo la leggenda, è la sua origine.
Testo: Lucia L. Ferrari
Voce: Lucia L. Ferrari
La storia della principessa Manigunda
"C'era una volta, tanto tempo fa , in un paesino sperduto della Lombardia, una bellissima principessa di nome Manigunda che sempre si accompagnava al suo fido compagno, un cane dal manto bianco come la neve...". Potrebbe iniziare così la storia, proprio come una fiaba di quelle che si leggono ai bambini. Tuttavia la nostra non è una principessa felice e il lieto fine non le fu purtroppo concesso. Figlia del re longobardo Liutprando e fondatrice, nel 737, del Monastero di Cairate Manigunda ebbe una vita tormentata in cui magia, leggenda e realtà storica si intrecciano e si confondono...
Testo: Federica Baj
Voce: Lucia L. Ferrari
Tra Voi e un Vetro
La primavera è giunta e con lei la natura esplode. Vi proponiamo una passeggiata in luoghi magici dove potrete incontrare le creature sottili che dimorano in alberi e fiori.
Testo: Federica Baj
Voce: Lucia L. Ferrari
Quadri Maledetti
Se la figura dipinta in un quadro vi osserva non è detto che sia vostra suggestione. Le tele a volte vivono. Le immagini si materializzano in presenze inquietanti e sfuggenti. Questa è la storia di due quadri “infestati”. Una ninfa dei boschi e un volto di uomo che hanno abbandonato il quadrato di una cornice per farci visita. Non sempre gradita.
Testo: Federica Baj
Voce: Lucia L. Ferrari
La Dama Nera di Parco Sempione
Il parco milanese, sulla cui area sorgeva in tempi ormai remoti un cimitero, non è frequentato solo da passanti, jogger, mamme con carrozzine e cani con i loro padroni. Una misteriosa donna vestita di nero si aggira di notte tra i viali, adescando i passanti e conducendo pochi prescelti in un luogo dove passione e morte di si fondono in un lugubre abbraccio. Verità o leggenda? Questa e la storia dei fantasmi che abitano, da secoli, il parco nel cuore di Milano.
Testo: Federica Baj
Voce: Lucia L. Ferrari
L'antico cimitero di Viggiù
Il vecchio cimitero di Viggiù è una piccola Spoon River di Lombardia, splendido esempio di arte sepolcrale dell’Ottocento Lombardo. Qui, a distanza di due secoli, ancora si possono sentire i sospiri di quelli che “dormono sulla collina”.
Testo: Federica Baj
Voce: Lucia L. Ferrari
Musiche: Kingsley Elliot Kaye
1933. Gli ET su Vergiate
1933. Nei dintorni di Vergiate un oggetto non identificato si schianta al suolo. Aeromobile dicono. Ma forse di natura non terrestre. Il fatto coinvolse anche l’allora governo fascista e lo scienziato Guglielmo Marconi. Ecco i retroscena di una vicenda “fumosa” che puó essere considerata il primo avvistamento ufologico d’Europa.
Testo: Lucia L. Ferrari
Voce: Lucia L. Ferrari
Non siete soli
A voi che state brindando a questo nuovo inizio sappiate che non siete soli. Avrete trascorso molto tempo nelle vostre case durante questi giorni di festa circondati da familiari e amici con i calici alzati e voci e risa e schiamazzi. Oggi vi proponiamo il silenzio. Perché solo in silenzio possiamo in qualche modo accorgerci che non siamo soli. Non siete soli. Dentro e fuori le nostre case dimorano e ci ascoltano e ci osservano. Vivono con noi. Li sentite?
Testo: Federica Baj
Voce: Lucia L. Ferrari
Le streghe di Venegono
Siamo agli inizi del 1500 quando, a Venegono Superiore, sette donne sono accusate di stregoneria e condannate al rogo: nel castello che ancora domina la cittadina, furono imprigionate e sottoposte a regolare processo. La Santa Inquisizione, voluta da Paolo III per combattere più efficacemente la riforma protestante, non era ancora stata costituita ma in questa parte del Seprio la caccia alle streghe era già iniziata. Una storia inquietante di riti diabolici, incantesimi e malefici. Una vicenda in cui le ombre hanno, troppo spesso, il sopravvento sulle luci.
Testo: Federica Baj
Voce: Lucia L. Ferrari
Amore e morte sulle rive del lago
Ci sono due amanti, sulle rive del Lago di Varese, che dopo oltre un secolo continuano a cercarsi nonostante la morte li abbia improvvisamente separati. Anche da morti non si incontreranno mai. Così vogliono il buio e la luce. Una storia d’amore intensa, struggente e disperata dove purtroppo non esiste lieto fine.
Testo: Federica Baj
Voce: Lucia L. Ferrari

I commenti sono chiusi.