Storia d'Italia


Tags (categorie): Istruzione, History, Cristianesimo, Storia, Cultura
[ Aggiungi la tua categoria (tag) ]

Podcast che ripercorre la lunga e complessa storia italiana, da Costantino fino ai nostri giorni, passando per il tardo impero, la tarda antichità, l’alto medioevo, l’Italia dei comuni e delle signorie, il rinascimento, i secoli delle dominazioni spagnola
Autore: Marco Cappelli
Ultimo episodio: 30/03/20 7:00
Aggiornamento: 04/04/20 22:11 (Aggiorna adesso)
Episodio 50, speciale: economia e finanza a Roma (III secolo A.C.-III secolo D.C.)
Oggi come annunciato episodio speciale, per festeggiare il raggiungimento del podcast numero 50! Oggi infatti non parleremo di battaglie, di imperatori e Re, non parleremo neanche di religione o del mondo extradanubiano. No, oggi analizzeremo qualcosa di fondamentale per ogni tempo e ogni luogo, quell’invisibile rete di interessi, transazioni, commerci che tiene insieme la società, sia quella antica come quella moderna. Faremo un salto indietro di secoli e parleremo dell’economia e della finanza del mondo romano.

---

Grazie ai miei Patreon:

Livello Dante Alighieri: Paolo, David l’apostata
Livello Galileo Galilei: Davide, Francesco, Jacopo Toso, Riccardo, Stefano, Roger, Anna, Vitor, Pierangelo, Luigi, Antonio e Giulia

Livello Marco Polo: Dominik, Giacomo, Jacopo, Marco, David, Fabio, Francesco, Roberto, Stefano, Sergio, Fabrizio, Gianmarco, John, Luca, Gianluca, Michel Andre, Marco, Federico, Tony, Mariette, Luca, Andrea, Gabriele, Bruno, Gabriele Mazzon, Ale, Maurizio, Enrico, Federico, Leandro, Patricia, Emiliano, Alessandro, Pietro, Silvio, Nikola, Tommaso e “johnny”.

Per sostenermi su Patreon: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito: www.italiastoria.com

Musiche di Riccardo Santato, Ciaccona suonata da Eugene e Larissa Cherkasov
Episodio 49, riassunto: le ragioni di una caduta (395-493)
Questo episodio è la risposta ad una semplice domanda che ha una risposta impossibile: perché è caduto l’Impero Romano d’occidente?

Il quinto secolo è stato penso per tutti un’appassionante montagna russa, passando da un impero unito sotto Teodosio, in teoria altrettanto forte che cento anni prima, ad una situazione nel mediterraneo dove i Romani non sono più padroni del mare nostrum, dove l’Impero Romano sopravvive nelle sue forme originarie solamente in oriente, mentre l’occidente è dominato da Re barbari, tra Franchi, Visigoti, Vandali e Ostrogoti. A volte nella narrazione complessiva si può perdere di vista il quadro complessivo. In questo episodio guarderemo dunque indietro e cercheremo di capire cosa è accaduto, e perché, all’Impero dei Romani.

---

Grazie ai miei Patreon:
Livello Dante Alighieri: Paolo, David l’apostata
Livello Galileo Galilei: Davide, Francesco, Jacopo Toso, Riccardo, Stefano, Roger, Anna, Vitor, Pierangelo, Luigi, Antonio e Giulia
Livello Marco Polo: Dominik, Giacomo, Jacopo, Marco, David, Fabio, Francesco, Roberto, Stefano, Sergio, Fabrizio, Gianmarco, John, Luca, Gianluca, Michel Andre, Marco, Federico, Tony, Mariette, Luca, Andrea, Gabriele, Bruno, Gabriele Mazzon, Ale, Maurizio, Enrico, Federico, Leandro, Patricia, Emiliano, Alessandro, Pietro e Silvio
Per sostenermi su Patreon: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria.
Altre modalità disponibili sul sito: www.italiastoria.com

Musiche di Riccardo Santato, con l’eccezione di ciaccona in sol minore per violino e basso continuo, pezzo interpretato e suonato da Eugene e Larissa Cherkasov
Episodio 48, il ritorno del Re (484-493)
Roma ha avuto sette Re all’inizio della sua storia: Romolo, Numa Pompilio, Anco Marzio, Tullio Ostilio, Tarquinio Prisco, Servio Tullio e Tarquinio il Superbo. Dai tempi della cacciata del superbo nessuno, neanche Odoacre, si è davvero fregiato del titolo di Re riferito alla popolazione autoctona romana, Odoacre essendo meramente il Re dei suoi foederati germanici. Eppure alla fine di questo episodio un Re dominerà su Roma e l’Italia.

---
Grazie ai miei Patreon:
Livello Dante Alighieri: Paolo, David l’apostata
Livello Galileo Galilei: Davide, Francesco, Jacopo Toso, Riccardo, Stefano, Roger, Anna, Vitor, Pierangelo, Luigi, Antonio
Livello Marco Polo: Dominik, Giacomo, Jacopo, Marco, David, Fabio, Francesco, Roberto, Stefano, Sergio, Fabrizio, Gianmarco, John, Luca, Gianluca, Michel Andre, Marco, Federico, Tony, Mariette, Luca, Andrea, Gabriele, Bruno, Gabriele Mazzon, Ale, Maurizio, Enrico, Giulia, Federico, Leandro, Patricia, Emiliano, Alessandro e Pietro
Per sostenermi su Patreon: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria.
Altre modalità disponibili sul sito: www.italiastoria.com

Musiche di Riccardo Santato con l’eccezione di:

Title: Zadok the priest
Author: St Matthew's Concert Choir; Damien Giromella, director
Link: https:/ / commons.wikimedia.org/ wiki/ File:Handel_-_Zadok_the_Priest.ogg
This file is licensed under the Creative Commons Attribution 3.0 Unported license. It has been slightly modified (volume) to be the base of a section of the podcast
Episodio 47, le avventure del giovane Teodorico (451-484)
In questo episodio viaggeremo di nuovo oltredanubio per scoprire cosa accadde agli Ostrogoti dopo la caduta dell’impero degli Unni. Ma le loro vicende saranno narrate con un occhio soprattutto ad un giovane pargolo, nato nella illustre stirpe degli Amali. La sua è una storia incredibile che ci porterà dalle steppe della Pannonia alla grande città di pietra sul Bosforo, dai monti dei Balcani alla via che conduce all’Italia: è tempo di introdurre con tutti gli onori del caso un gigante della storia d’Italia. Il suo nome Goto è Thiudereiks, leader della tribù, i Romani lo chiamarono Flavius Teodericus, noi lo conosciamo con il nome di Teodorico il grande.

---
Grazie ai miei Patreon:

Livello Dante Alighieri: Paolo, David l’apostata

Livello Galileo Galilei: Davide, Francesco, Jacopo Toso, Riccardo, Stefano, Roger, Anna, Vitor, Pierangelo e Luigi

Livello Marco Polo: Dominik, Giacomo, Jacopo, Marco, David, Fabio, Francesco, Roberto, Stefano, Sergio, Fabrizio, Gianmarco, John, Luca, Gianluca, Michel Andre, Marco, Federico, Tony, Mariette, Luca, Andrea, Gabriele, Bruno, Gabriele Mazzon, Ale, Maurizio e Enrico.

Per sostenermi su Patreon: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito: www.italiastoria.com

Musiche di Riccardo Santato
Episodio 46: Flavius Odoacer, Rex et Patricius (480-488)
Quando studiai sui banchi di scuola la caduta dell’impero d’occidente mi ero sempre immaginato uno scenario più o meno apocalittico, una sorta di incrocio tra Mad Max e Ken il guerriero. Ovviamente per me l’inizio di questo periodo distruttivo era sempre il regno di Odoacre, e credo lo stesso sia per molti di voi. Ma è questa un’immagine aderente alla realtà? Scopriamolo assieme.
---

Grazie ai miei Patreon:
Livello Dante Alighieri: Paolo, David l’apostata

Livello Galileo Galilei: Davide, Francesco, Jacopo Toso, Riccardo, Stefano, Roger, Anna, Vitor, Pierangelo e Luigi

Livello Marco Polo: Dominik, Giacomo, Jacopo, Marco, David, Fabio, Francesco, Roberto, Stefano, Sergio, Fabrizio, Gianmarco, John, Luca, Gianluca, Michel Andre, Marco, Federico, Tony, Mariette, Luca, Andrea, Gabriele, Bruno, Gabriele Mazzon, Alex.

Per sostenermi su Patreon: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito: www.italiastoria.com

Musiche di Riccardo Santato
Episodio 45, speciale: crossover con il podcast di Alessandro Barbero
In questa puntata speciale parlo con Fabrizio Mele del podcast di Alessandro Barbero: parleremo di invasioni barbariche, Adrianopoli, Odoacre, Teodorico, della guerra gotica e dell'invasione dei Longobardi. Un compendio a tutto il periodo della tarda antichità.

Trovate il podcast di alessandro Barbero su tutte le piattaforme dove ascoltate podcast. Account social:

Facebook
https:/ / www.facebook.com/ barberopodcast/

Twitter:
https:/ / twitter.com/ barberopodcast

Instagram
https:/ / www.instagram.com/ barberopodcast/
Episodio 44, la fine è il mio inizio (476-480)
Nello scorso episodio il turbinio di un triste walzer ha portato la nostra storia al fatale anno del 476, di solito convenzionalmente l’anno di passaggio tra l’antichità e il medioevo. Abbiamo preparato la scena: Giulio Nepote si è rifugiato in Dalmazia dopo il colpo di stato di Oreste mentre un ragazzino siede sull’alto trono dei discendenti di Augusto: il nostro Romolo Augustolo. In questo episodio il balletto di improbabili imperatori di un occidente oramai ristretto alla penisola italiana avrà finalmente termine: un solo imperatore presto regnerà sull’impero Romano e l’Italia avrà un nuovo padrone. Ogni fine è un inizio, e questa storia è l’inizio di un nuovo periodo per l’Italia.

---
Grazie ai miei Patreon:

Livello Dante Alighieri: Paolo, David l’apostata

Livello Galileo Galilei: Davide, Francesco, Jacopo Toso, Riccardo, Stefano, Roger e Anna

Livello Marco Polo: Dominik, Giacomo, Jacopo, Marco, David, Fabio, Francesco, Roberto, Stefano, Sergio, Fabrizio, Gianmarco, John, Luca, Gianluca, Michel Andre, Marco, Federico, Tony, Mariette, Luca, Andrea

Per sostenermi andate su patreon/ italiastoria o su italiastoria.com e cliccate “sostenere il podcast”
Episodio 43, ultimo giro di valzer (472-476)
Dopo il sacco di Roma e la morte di Antemio i Romani dovranno cercare di rimettere assieme i pezzi impazziti del governo dell’Italia che però continuerà a sfuggire ad ogni tentativo di controllo. Siamo infatti arrivati all’ultimo giro del walzer e la musica continua a turbinare in una giravolta di nomi e di persone impegnate ad afferrare un potere evanescente, questo poco prima che le luci si spengano in occidente sull’impero di Cesare Ottaviano Augusto.
---
Grazie ai miei Patreon:

Livello Galileo Galilei: David L’apostata, Davide, Francesco, Jacopo Toso, Riccardo, Stefano, Roger e Anna

Livello Marco Polo: Dominik, Giacomo, Jacopo, Marco, David, Fabio, Francesco, Roberto, Stefano, Sergio, Fabrizio, Gianmarco, John, Luca, Gianluca, Michel Andre, Marco e Federico

Per diventare Patreon: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com

Musiche di Riccardo Santato
Episodio 42, non c'è due senza tre (468-472)
La grande flotta dei Romani è bruciata, i Goti avanzano in Gallia, i Vandali saccheggiano le coste italiane. A Roma, sul suo alto seggio, siede l'imperatore Antemio, assediato da ogni lato da persone che vogliono rimuoverlo. Ma Antemio non è né un incapace, né un codardo, e non fuggirà via ma combatterà con i suoi per il suo futuro mentre la spirale della politica imperiale porterà alla guerra civile e infine ad una immane catastrofe per la capitale dell’impero, Roma.

---
Grazie ai miei Patreon: Davide, Dominik, Giacomo, Jacopo, Jacopo Tosi, Marco, David, Fabio, Francesco, Roberto, Stefano, Sergio, Fabrizio, Gianmarco e ai nuovi arrivati, John, Luca e Riccardo!

Per diventare Patreon: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com

Musiche di Riccardo Santato
Episodio 41, "Invencible armada" (466-468)
Dopo la sconfitta di Maggiorano è diventato evidente a tutti che senza aiuto da parte dell’Impero d’Oriente non c’è speranza di mantenere in piedi l’impero di Augusto in occidente. In questo episodio l’oriente invierà l’aiuto necessario, e richiesto. Leone non baderà a spese: un nuovo imperatore verrà da Costantinopoli, accompagnato da tutto l’augusto potere, da tutta la possenza militare e finanziaria di un oriente che non è meno potente nel quinto secolo di quanto sia stato cento anni prima. Una invencible armada partirà da Costantinopoli alla volta dell’Africa, dove si deciderà il futuro del mediterraneo.  

---
Grazie a Riccardo Santato per aver interpretato Sidonio Apollinare!

Grazie ai miei Patreon: Davide, Dominik, Giacomo, i due Jacopo, Marco, David, Fabio, Francesco, Roberto, Stefano, Sergio, Fabrizio, Gianmarco e a tutti gli altri che mi sostengono finanziariamente!
Per diventare Patreon: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria. Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com

Musiche di Riccardo Santato
Episodio 40, "all in" (460-466)
In questo episodio Maggiorano raggranellerà ogni risorsa rimasta dell’occidente con l’obiettivo di riconquistare l’Africa, in un "all in" coraggioso e disperato. Ma a poker si gioca in due e il suo avversario è uno dei geni politico-militari del quinto secolo, Genseric. Dopo una memorabile battaglia navale Ricimer e il Senato prenderanno una decisione gravida di conseguenze.


-----

Grazie ai miei Patreon e a tutti gli altri che mi sostengono finanziariamente! Per diventare Patreon: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria. Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com

Musiche di Riccardo Santato e di Fernando Fidanza
Episodio 39, una nuova speranza (458-460)
Roma è riuscita a trovare nelle pieghe del suo declino la figura di Maggiorano: un personaggio della nostra storia che pare uscito da un’altra epoca: un imperatore coraggioso, intelligente, magnanimo e dedicato ad un solo obiettivo: riportare l'occidente a dominare la terra e i mari per dare ai Romani un bene che gli manca da molto tempo, la speranza.


-----

Grazie ai miei Patreon e a tutti gli altri che mi sostengono finanziariamente! Per diventare Patreon: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria. Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com

Musiche di Riccardo Santato e di Fernando Fidanza
Episodio 38, l'imperatore dei Galli (455-458)
Nello scorso episodio, dopo aver resistito all’aggressione degli Unni, i Romani si sono divorati l’un l’altro, fino a che Genseric ha avuto la possibilità di catturare Roma, sedere nel palazzo dei Cesari sul palatino e saccheggiare ogni opera di qualche valore della città eterna.

In questo episodio vedremo la seconda fase della terribile crisi inaugurata dall’uccisione di Ezio: al vuoto di potere in Italia risponderà l’altro grande pezzo dell’Impero, la Gallia: abituati oramai a vivere fianco a fianco, i Romani e i Barbari della Gallia proporranno il loro candidato al trono e questi si metterà in marcia verso Roma e verso la sua rovina.

-----

Grazie ai miei Patreon e a tutti gli altri che mi sostengono finanziariamente! Per diventare Patreon: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria. Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com

Musiche di Riccardo Santato e di Fernando Fidanza
Episodio 37, il sogno di Annibale (454-455).
Tito Livio, in un celebre passo del monumentale libro di storia di  ‘ab Urbe condita’, riferische del famoso giuramente di Annibale.

Nelle pagine di Livio Amilcare Barca - il generale cartaginese che era stato sconfitto dai Romani nella prima guerra punica - fa giurare a suo figlio Annibale che avrebbe nutrito odio eterno contro i Romani. Annibale tenne fede alla sua promessa e giunse vicino a distruggere la potenza di Roma, ma non fu così. Alla fine Roma vinse Annibale e poi, nel 146 avanti cristo, saccheggiò Cartagine, distruggendola, salvo poi ricostruirla - massima onta - come metropoli Romana.

Ma lunedì in questo episodio il fantasma di Annibale si sveglierà dalla tomba e giungerà più lontano di quanto sia mai giunto in vita. Perché domani Cartagine saccheggia Roma.

----

Grazie ai miei Patreon e a tutti gli altri che mi sostengono finanziariamente! Per diventare Patreon: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria. Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com

Musiche di Riccardo Santato e di Fernando Fidanza
Episodio 36, speciale: le nature di Cristo (431-451)
Nello scorso episodio uno dei grandi imperi della tarda antichità è crollato, ma invece di quello romano abbiamo visto dissolversi l’impero degli Unni, che non ha resistito alla perdita del suo grande leader, Attila.

In questo episodio vedremo una lotta all’interno della chiesa nicena: certo i barbari credono ancora negli insegnamenti di Ario e Ulfila ma la Chiesa Imperiale ha felicemente risolto la disputa tra ariani e niceni, in favore di questi ultimi. Ora però la Chiesa dell’Impero Romano è sull’orlo di un conflitto che la spaccherà irrimediabilmente e per sempre: la disputa sulla natura di Cristo.
Episodio 35, la caduta di un Impero (451-454)
Nello scorso episodio la gioiosa macchina da guerra di Attila si è scontrata con la coalizione di popoli occidentali comandata da Ezio. Contro ogni pronostico gli Unni e i loro alleati sono stati fermati, al prezzo di dure perdite per i Romani e i loro alleati, non ultima la morte del re dei Visigoti, Teoderic.
Attila si è ritirato nella sua tana pannonica e ha passato un furioso inverno meditando vendetta: se i suoi nemici in occidente credono che lui abbia imparato la lezione bè si sbagliano di grosso. A primavera, quando si scioglieranno le nevi e sarà possibile rimettere in marcia il suo esercito, Attila intende colpire alla giugulare di quello che resta dell’impero d’occidente. I Romani pagheranno con il sangue l’aver osato resistergli.

----

Per diventare Patreon: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria

Musiche di Riccardo Santato e di Fernando Fidanza


Fonti antiche:
Giordane: storia dei Goti
Prisco di Panum: frammenti
Idazio: cronache
Prospero di Aquitania: cronache
Ringraziamenti, annunci e informazioni
Mi spiace, oggi nessun episodio: ma sono al lavoro per i prossimi, non temete!

Solo alcune brevi note per ringraziarvi del supporto al festival del podcasting e per darvi appuntamento al 22 Ottobre con una diretta facebook, in occasione del compleanno del podcast!

Registratevi all'evento qui:
https:/ / www.facebook.com/ events/ 1078222862382629/
Episodio 34, tramonto sui Campi Catalaunici (449-451)
In questo episodio, dopo aver preso a ceffoni il più forte dei due imperi romani, Attila se la prenderà con il più debole dei due, quell’occidente che da decenni viene tenuto insieme con lo scotch e la determinazione del suo generalissimo, Flavio Ezio.

La missione di Ezio pare priva di speranza. Ma i Romani sono gente testarda, in questo quinto secolo come in tutti i secoli della loro storia. E’ un popolo che non può accettare di scivolare via nell’oscurità senza combattere. L’esercito dei Romani marcerà dunque, verso la guerra e il suo ultimo tramonto di gloria imperitura.

Votate Storia d'Italia al festival del podcasting! c'è tempo fino al 10 Ottobre 2019:
https:/ / www.instagram.com/ festivaldelpodcasting/

Musiche:
Mille grazie a Riccardo Santato, visitate il seguente sito per ascoltare le sue musiche:
www.riccardosantato.net

Mille grazie ai miei nuovi patreon, Davide e Jacopo! Per sostenermi su patreon andate qui:
https:/ / www.patreon.com/ italiastoria

Fonti antiche:
Giordane: storia dei Goti
Prisco di Panum: frammenti
Idazio: cronache
Prospero di Aquitania: cronache
Episodio 33, il flagello di Dio (441-449)
In questo episodio vedremo come dopo essere stati a lungo preziosi alleati di Roma, gli Unni si guadagneranno la loro nomea di tormento dei popoli civilizzati. In due devastanti confrontazioni con le armi dell’Impero Romano più resiliente – quello orientale – gli Unni si ergeranno a principale potenza militare dell’intero mondo mediterraneo, scalzando i Romani dal loro ruolo dominante per la prima volta in settecento anni. Poi faremo i bagagli assieme ad un caro amico, il nostro storico Prisco, e ci avventureremo con lui in una ambasciata che lo porterà nel cuore dell’impero Unno, al cospetto dell’uomo di fronte al quale tremano anche gli imperatori: il flagello di Dio, Attila.
Episodio 32, preludio: il primo illirico (268-270)
Ora immaginatevi questa scena: l’impero è a pezzi, diviso in tre parti. Gli imperatori di Roma oramai controllano solo alcune zone dell’impero mentre i barbari hanno rotto le frontiere e saccheggiano impunemente città e province, sia via terra che via mare. Goti e Alamanni minacciano perfino Roma. Pestilenze hanno decimato la popolazione dell’impero fino al punto che è difficile trovare nuove reclute per l’esercito, l’inflazione galoppante sta distruggendo ogni relazione economia, riportando il mondo mediterraneo al baratto. Un imperatore debole siede nella sua capitale in nord Italia, sempre più impotente di fronte alle procelle della storia. Dei capi semibarbari sono pronti a rimpiazzarlo con un colpo di stato militare. L’impero, il grande impero dei Cesari e degli Augusti, pare sia destinato al cestino della storia.
Parliamo del 476 dopo cristo, penserete?  No, l’anno è il 268 e questa non è la storia della caduta dell’Impero Romano, ma la storia di come questo fu salvato da un gruppo di rozzi militari semibarbari provenienti dai confini dell’Impero. Parliamo degli illirici e questa è la storia del primo di loro, Claudio II, detto il Gotico.
-------
Per diventare sostenitori del podcast visitate il sito www.italiastoria.com, ci sono 3 modalità per farlo: con una donazione di 10,20,50 euro, su Patreon con donazioni mensili da 1 euro in su, con un semplice bonifico.
-------
Se volete aiutare "Storia d'Italia" potete votarla nel concorso per "miglior podcast emergente del 2019", entro il 10 Ottobre 2019, cliccando al seguente link e mettendo un like all'immagine su Instagram. 
https:/ / www.instagram.com/ p/ B1-eVrqifky/
 
---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 31, l'Impero degli Unni (376-441)
Come forse avrete capito uno degli obiettivi del mio progetto è di descrivere la storia dal punto di vista di tutti i suoi attori, non solo da quello dei Romani o, in futuro, degli italiani. Credo sia difficile per tutti noi di immedesimarsi nell’altro, ma è uno sforzo indispensabile se vogliamo davvero capire la storia e non solo narrarla da un punto di vista deformato.
In questo episodio cercheremo di donare una dimensione tridimensionale al grande spauracchio dei Romani, gli Unni. Faremo un passo indietro e torneremo fino a circa l’episodio 14, quando descrissi il barbaricum dominato dai Germani. Alla fine di quell’episodio parlai della grande tragedia che si abbatté sui Goti, ovvero l’invasione degli Unni del 370-376. Riprenderemo più o meno da quel punto per narrare cosa accadde al mondo d’oltre Danubio nei settanta anni seguenti, fino a giungere al 441 e alla prima importante guerra tra Unni e Romani.
Principali fonti antiche:
Olimpiodoro
Prisco di Panum
Giordane

---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 30, speciale: intervista a Giuseppe Concilio (Storie Romane)
Per festeggiare i 30 episodi di "Storia d'Italia" una puntata speciale: una intervista a Giuseppe Concilio, storico di professione, divulgatore per passione e gestore/ editore di una delle più importanti pagine di storia in italiano della rete: "Storie Romane".
Con Giuseppe parleremo del quinto secolo, di tre grandi generali Romani e di tre grandi Re barbari protagonisti delle grandi migrazioni del quinto secolo, delle cause della caduta dell'Impero d'occidente e delle possibili cure che ne avrebbero potuto evitare la fine. Di monete e di religione, di imperatori del passato e di imperatori e papi del futuro. 
Un compendio indispensabile al quinto secolo e per inserire meglio le puntate della narrazione principale nel loro contesto di lungo periodo. 
-----------
Link alle varie pagine "Storie Romane":
Sito web: www.storieromane.it

Facebook: https:/ / www.facebook.com/ storieromane
Instagram: https:/ / www.instagram.com/ storieromane/
Twitter : https:/ / twitter.com/ storieromane
Tumblr: https:/ / www.tumblr.com/ blog/ storieromane
Telegram: t.me/ storieromane

---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 29, la vendetta di Didone (433-442)
Virgilio, nel libro IV dell’Eneide, narra la struggente storia di Didone, la mitica regina che avrebbe fondato Cartagine. Nel poema Didone incontra Enea nelle sue peregrinazioni nel mediterraneo e se ne innamora follemente, sognando l’unione di Punici e Troiani. Quando però gli Dei ordinano ad Enea di riprendere il mare, per fondare una nuova città in Italia, Didone ha il cuore infranto. Alla vista delle vele delle navi di Enea, che salpa abbandonando Cartagine senza neanche una parola di saluto, Didone decide di gettarsi sulla sua stessa pira funebre. Prima di farlo lancia però una terribile maledizione: giammai ci sarà pace tra Cartagine e la città che fonderà Enea, Roma.
Roma e Cartagine hanno combattuto tre guerre che hanno distrutto il regno di Didone. Eppure sulle ceneri della città punica è nata una grande metropoli Romana che da secoli - orrore degli orrori per Didone - sfama e arricchisce Roma.
Ma in questo episodio Didone avrà la sua vendetta.
---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 28, la via dell'Africa (425-433)
In questo episodio Galla Placidia cercherà di mantenere un difficile equilibrio tra i potenti uomini dell’esercito, spesso mettendoli uno contro l’altro. In questo quadro confuso, dopo una serie di abili mosse nella mortale partita a scacchi della politica imperiale, un uomo riuscirà finalmente a conquistare il potere su tutto l’occidente: Flavio Ezio, forse l’ultimo grande soldato dell’occidente Romano. 
La crisi dell’autorità di Ravenna darà l’opportunità ai popoli foederati imperiali di rialzare la testa e porterà il grande gruppo di barbari che è ancora illegalmente nell’impero, i Vandali, a mettere gli occhi e le mani su una terra rimasta al riparo dalle ambizioni dei barbari: la più importante di tutte. 

---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 27, l'estate di San Martino (418-425)
Nello scorso episodio abbiamo visto come l’attività energica di Flavio Costanzo abbia ricomposto un Impero d’occidente che pareva destinato al cestino della storia. In questo episodio vedremo come l’Impero continuerà nella sua apparente ripresa ma cercheremo anche di andare a fondo sui cambiamenti imposti dal terribile decennio che va dal 406 al 416, un decennio nel quale l’autorità di Ravenna si era a volte ristretta ad una tenue presa sull’Italia e il Nordafrica.
Ai contemporanei questi anni sembrarono una nuova primavera: quello che non sapevano è che era solo una estate di San Martino, il caldo periodo autunnale che precede l’arrivo dell’inverno.

---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 26, l'Impero colpisce ancora (410-418)
410 dopo cristo: Roma è stata saccheggiata, Vandali, Visigoti e tanti altri barbari vagano a piacere nell'impero d'Occidente. Tre augusti si fanno la guerra per il controllo delle sempre più ridotte risorse dell'Impero.
Eppure, nonostante tutto questo cupio dissolvi, in questo episodio le forze dell’entropia troveranno finalmente del filo da torcere: Flavio Costanzo, un capace politico e generale di stampo Stiliconiano. Questi si impadronirà del potere a Ravenna e passo dopo passo rimetterà assieme il puzzle impazzito dell’occidente. Roma è stata saccheggiata, ma l’Impero non è ancora sconfitto, anzi: in questo episodio l’Impero colpisce ancora.

---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 25, il sacco di Roma (408-410)
In questo episodio vedremo fino a che punto Stilicone fosse stato indispensabile alla stabilità in Italia: all’uscita di scena del generalissimo dell’occidente i suoi successori prenderanno una decisione disastrosa dopo l’altra portando l’impero sull’orlo del disastro. Invece di scrutare l’abisso e decidere di fare un passo indietro, i padroni dell’occidente si tufferanno nel pozzo, causando l’impensabile: il sacco di Roma.

---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 24, il crollo della diga (405-408)
In questo episodio la tempesta, dopo tanto tuonare, rovescerà sui Romani una epica alluvione degna del diluvio universale: lo tsunami travolgerà l’occidente e alla fine restituirà perfino il cadavere del più grande di tutti: Stilicone, la spada dell’impero, il generalissimo dell’occidente.

---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 23, Alaric in Italia! (401-405)
A Costantinopoli i Goti sono stati massacrati, i loro capi uccisi. L'accordo di Costantinopoli con il Re dei Goti, Alaric, è oramai carta straccia. Preso alle strette Alaric ha deciso di tentare la sua fortuna con la corte occidentale, invadendo l’Italia: quale sarà il destino dell’’Italia? riuscirà Stilicone a fermare Alaric e evitare il disastro della guerra gotica su territorio italiano? Scopriamolo assieme.

---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 22, il generalissimo dell'occidente (395-401)
E' il 395, Teodosio è morto e a succedergli sono i suoi due giovani, incapaci e totalmente inutili figli: Arcadio e Onorio. I due imperatori, incapaci a governare, scateneranno una gara a controllare i gangli del potere dietro al potere: cortigiani, eunuchi, militari semibarbari, imperatrici e un certo Re dei Goti cercheranno di assumere il potere sui due giovani figli dell’Imperatore. Il più grande di tutti è un generale di origini barbare ma dal cuore Romano, un diplomatico, un uomo capace e ambizioso che reggerà la corte di Milano per decenni. Il generalissimo dell'occidente non si accontenterà però della corte di Milano e giocherà una complicata partita a scacchi contro i suoi rivali a Costantinopoli.
I romani continuano a giocare al gioco del trono, incuranti dell'accumularsi delle nubi della tempesta, ma l’inverno sta arrivando.

---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 21, speciale: domande sul quarto secolo
In questo episodio alla guida ci siete voi, con le vostre domande! Faremo una cavalcata su vari argomenti a riguardo del quarto secolo: secolo di declino oppure no? relazioni con Cina e altri paesi lontani, cursus publicus, lingue dell'impero, architettura visitabile, eredità e influenze sul mondo moderno e infine vi dirò come mai ho scelto il pezzo che introduce e chiude ogni episodio di Storia d'Italia. 

Grazie mille a Giovanni, Nicola, Luca, Denis, Alexandre per le bellissime domande! 

---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 20, il soffio della Bora (388-395)
Nello scorso episodio abbiamo ripercorso i primi anni della carriera del nostro vescovo di Milano preferito, Sant’Ambrogio, una figura che domina per grandezza e autorità l’ultimo scorcio di quarto secolo. Ovviamente Ambrogio non è la sola figura politica rilevante del suo tempo, l’altro grande è Teodosio, primo del suo nome, Augusto d’oriente e padrone del mondo Romano. In questo episodio i due paladini della fede nicena finiranno per scontrarsi: Chiesa e Impero si ritroveranno in disaccordo: non sarà certo l’ultima volta. Ma su entrambi spira un vento di tempesta, un vento che porterà ad un suicidio imperiale e ad un'epico scontro alle porte dell'Italia. 

---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 19, il nuovo vescovo di Milano (383-392)
L’Italia della fine del quarto secolo è dominata da una città: Milano, la capitale dell’Impero d’Occidente. E non si può comprendere la Milano di fine quarto secolo senza parlare dell’uomo che arriverà a dominarne sia lo spazio politico che le anime. Vale a dire Aurelius Ambrosius meglio conosciuto a Milano, in Italia e nel mondo con il nome con il quale è passato alla storia: Sant’Ambrogio.
Visitate il mio sito www.italiastoria.com 
Musiche di Fernando Fidanza, grazie ancora Fernando! 
Ringraziamenti a i ragazzi di Extra History e ai fratelli Sean e Dean Kiner per l'autorizzazione ad utilizzare il tema di Bismarck dei loro episodi su YouTube! Se vi piace la storia visitate il loro canale
https:/ / www.youtube.com/ watch?v=zc3Y-dU_GjM

---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com 
 
 
Episodio 18, la guerra Gotica (378-383)
Nello scorso episodio abbiamo assistito alla mattanza del comitatus orientale ad Adrianopoli: i Goti, sfruttando appieno i vantaggi fornitigli dal fato, dall’avventatezza dei Romani e dalla hubris di Valente hanno inflitto ai Romani una sconfitta che non vedevano, in queste proporzioni, dai tempi di Canne. Sui campi di Adrianopoli i corpi sparsi dei migliori soldati dell’impero d’oriente, i loro generali e l’imperatore in persona fanno da cibo per i corvi. Nessun generale superstite ha agli ordini un esercito capace di fermarli. Ma qualcuno dovrà. E qualcuno proverà a farlo.
---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 17, orrore ad Adrianopoli (378)
I Goti, dopo l'indecisiva battaglia "ad salices" sono riusciti a passare le difese romane sui Balcani e dilagare in Tracia per la seconda volta. Per Graziano e Valente, gli imperatori d'occidente e d'oriente, è finito il tempo delle mezze misure. In questo episodio vedremo cosa faranno entrambi gli imperatori per risolvere, una volta per tutte, il problema dei Goti. Un’azione combinata dei due imperi porterà a quella che sarà la più importante battaglia di una intera generazione, combattuta in un calda giornata di agosto nei pressi di una città della tracia: Adrianopoli.
---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 16, guerra sul Danubio (376-377)
Le due nazioni Gotiche sono state sconfitte dagli Unni. I Greutungi, assieme ad Alani e perfino Unni disertori si sono diretti verso il territorio romano, al comando di Alatheus e Saphrax. Fritigern, il Goto cristianizzato amico di Valente, ha convinto il grosso del popolo dei Tervingi a migrare verso l’impero. Romani e Goti saranno presto costretti a vivere molto più a contatto di quanto entrambi avessero mai desiderato, gli effetti saranno disastrosi. 
---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 15, l'esercito del tardo Impero.
I Goti, hanno subito nel 376 dopo cristo una terribile sconfitta da parte dei Borg, pardon, degli Unni. Per non finire assimilati molti di loro sono fuggiti verso il Danubio, chiedendo asilo e soccorso ai Romani. Dall’altro lato del fiume i soldati dell’Impero si agitano nervosamente mentre due popoli numerosi e bellicosi si accampano sulle rive del grande fiume, con tutti i loro figli e le loro famiglie.
Ma chi sono questi soldati romani? Come vivono e combattono? Chi sono i loro ufficiali? Immagino pensiate di conoscerli: solidi soldati romani ricoperti di acciaio, armati di scudo e gladio, inquadrati in legioni di 5-6 mila uomini, divise a loro volta in centurie e coorti. Soldati abituati a combattere a piedi e al comando di Centurioni con una specie di scopettone in testa.
Eppure l'esercito del tardo impero era molto, molto diverso da quello che siamo solito immaginarci quando pensiamo ai Romani. Ahimè è anche meno conosciuto, visto che era una organizzazione per certi versi molto più complessa dell’esercito del principato, ed assai meno nota. Impariamo a conoscerlo meglio prima che Goti, Alemanni, Franchi, Svevi, Burgundi, Vandali e Unni ci si infrangano contro.

---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 14, un viaggio nel barbaricum
In questo episodio vedremo come il mondo dei Germani fu rivoluzionato dal contatto con le più avanzate civiltà del mondo mediterraneo. Poi ripercorreremo la storia dei Goti fino al fatidico anno del 376 dopo cristo, quando un terremoto geopolitico e un uragano militare si abbatterà sulle due confederazioni Gotiche, scombussolandole e gettando i loro rimasugli a cercare rifugio nell’impero dei Romani.

---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 13, i pericoli di un carattere collerico (370-376).
Anche io ho un carattere facile alla collera: in questo episodio ne scopriremo le conseguenze. Viaggeremo attraverso l'impero d'Occidente e capiremo i limiti della governance imperiale durante gli ultimi anni di relativa quiete per l'Impero, scossa comunque da invasioni in Pannonia, ribellioni in Africa e la sensazione di assistere all'accumularsi di una terribile tempesta. Alla fine dell'episodio arriveranno incredibili notizie dalla frontiera danubiana. 
Fonti: Ammiano Marcelllino, Zosimo, Orosio.
Ringraziamenti per le musiche: Fernando Fidanza e Riccardo Santato
Ringraziamenti per il supporto: Mariette e Paolo

---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 12, le tribolazioni di due fratelli (365-370)
Nel quale vedremo le conseguenze dell'elezione all'impero di Valentiniano e Valente: affronteremo prima di tutto della ribellione di Procopio in oriente, poi passeremo all’occidente e narreremo cosa accadrà nell’impero occidentale fino al 370 circa, vedendo all'opera un conte padre di un imperatore famoso. In oriente faremo conoscenza con i Goti Tervingi di Athanaric, all'alba degli eventi che sconquasseranno il mondo Romano. Gli ultimi anni 60' del quarto secolo non sono per nulla tranquilli tra ribellioni, invasioni, maremoti e una grande cospirazione contro i Romani.
---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
 
Episodio 11, il nocchiero di una nave in tempesta (363-365)
Giuliano è morto e giace esanime nella tenda imperiale: fuori Shapur è pronto ad attaccare i Romani. Gli ufficiali dell'esercito, come marinai di una nave in tempesta, si affideranno al primo che capita pur di avere qualcuno che li aiuti a guidarli fuori dalla Mesopotamia. Per farlo dovranno passare attraverso un'umiliazione che ricorderà le forche caudine. Dall'altro lato non ci sarà la stabilità imperiale, ma ancora caos prima di inaugurare l'ultima grande dinastia dell'Impero Romano d'Occidente. 
---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com 
 
Episodio 10, speciale: intervista con Luigi Gaudio
Vorrei celebrare l'episodio 10, per me un importante "milestone", con la prima intervista della mia vita! Al microfono Luigi Gaudio, il decano dei podcaster italiani di storia. Luigi è un vulcano di innovazioni: tra siti online, podcast usati come referenza da studenti liceali e universitari, youtuber. Con Luigi parleremo del quarto secolo dopo cristo, dell'impatto del cristianesimo, del mutamento dell'impero nel corso del secolo, di Costantino e Diocleziano e di molto altro ancora. 
---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 9, Anabasi (363)
Nel 401 avanti cristo un gruppo di mercenari persiani, al cui seguito c'era il grande storico-soldato Senofonte, si unì al pretendente al trono persiano, Ciro, in una marcia verso il cuore della Mesopotamia. La spedizione terminerà in un disastro ma i diecimila riuscirono a salvarsi e Senofonte a scrivere la sua storia, che intitolerà "Anabasi" o viaggio verso l'interno (dell'Asia). Un gruppo di Romani, più di 700 anni dopo, tenterà qualcosa di simile. Per fortuna abbiamo un altro storico-soldato al seguito, il nostro Ammiano Marcellino, che ci racconterà la storia della sua Anabasi.
---
Per diventare miei mecenati: www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 8, l'Apostata (361-363)
Nel quale scopriremo la ragione per la quale Giuliano è chiamato l'Apostata, capiremo la differenza tra stesso e simile e ci prepareremo ad una lunga marcia verso il cuore dell'Asia. 
---
Per diventare miei mecenati: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 7, speciale natalizio: San Nicola da Myra
E' Natale, una festa che porta gioia ai giorni più bui dell'anno. A Natale ci sono molte tradizioni e alcune ci sono arrivate con un percorso tortuoso e affascinante. Scopriamone una giuntaci in modo inaspettato dal quarto secolo dopo cristo e dai tempi di Costantino e dei suoi successori. E' la storia di San Nicola da Myra. 
---
Per diventare miei mecenati: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 6, Un messaggio dagli Dei (357-361)
Giuliano e Costanzo dansano l'uno intorno all'altro, ma solo uno di loro potrà diventare Augusto di tutto l'impero. Giuliano, circondato da nemici e messo di fronte a insormontabili ostacoli, arriverà a disperare di poter vincere. Nel momento più buio riceverà però quello che crederà fermamente essere un messaggio dagli Dei. 
---
Per diventare miei mecenati: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 5, un Nerd come soldato (355-357)
I tipi pensosi, sensibili, studiosi non hanno di solito vita facile come soldati. Oggi scopriremo la vita di uno che ci è riuscito. Scopriremo la vita del nostro nerd della storia Romana, ne riperorreremo i primi passi, gli studi e i tormenti religiosi. Infine lo porteremo fino ad una collina vicino al Reno, dove combatterà e vincerà la sua battaglia più celebre. 
Per visitare il sito del Podcast da me consigliato andate qui: https:/ / www.goccedistoria.it/

---
Per diventare miei mecenati: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 4, Il Gioco del Trono (337-355)
Come si sa, al Gioco del Trono o si vince o si muore, non c'è una terza possibilità. E in questo episodio molti tra gli eredi di Costantino giocheranno e molti morranno. Alla fine ne rimarrà in piedi solo uno ma chiederà aiuto al più inaspettato dei suoi parenti.
---
Per diventare miei mecenati: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 3, Il viaggio di una moneta (325-337)
Nell'episodio osserviamo diversi imperatori affannarsi a trovare una soluzione ad un nuovo, pressante problema: l'inflazione. Costantino sul letto di morte decide di farsi battezzare, da un eretico, e lascia il suo regno a tutta la sua stirpe, con tanti auguri.
Episodio 2, La Nuova Roma (312-325)
Dove Costantino sistema un po’ di affari di famiglia, codifica la religione Cristiana e trova anche il tempo di fondare una Nuova Roma.
---
Per diventare miei mecenati: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 1, In hoc signo vinces (305-312)
28 Ottobre 312 DC, Costantino-non-ancora-il-grande va incontro al suo destino: l'impero di Roma non sarà mai più come prima.

---
Per diventare miei mecenati: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com
Episodio 0, In principio era una lupa (riassunto anni 32 AC-305 AD).
Perchè ho deciso di narrare la Storia d'Italia e una cavalcata spericolata attraverso tre secoli di Impero Romano, da Augusto a Diocleziano. Allacciate le cinture.

---

Per diventare miei mecenati: https:/ / www.patreon.com/ italiastoria.

Altre modalità disponibili sul sito www.italiastoria.com



 
Benvenuti su "Storia d'Italia"
Una breve introduzione per i nuovi ascoltatori: chi sono, cos'è Storia d'Italia e alcuni consigli su quali episodi ascoltare inizialmente.

I commenti sono chiusi